Esquisse – il blog di antonio consoli

ott 07: La donna che parlava con i morti, Remo Bassini

with 8 comments

ottobre 07

La donna che parlava con i morti, Remo Bassini

Editore Newton-Compton, 2007

sinossi
C’è una protagonista che racconta, Anna, giovane commessa anarchica, e c’è una protagonista nell’ombra, che però domina la scena: Marta, la donna che parla con i morti. Sono le sponde opposte di un fiume dove scorre la vita di quattri ventenni che… si son conosciuti al bar negli anni Ottanta a Genova. Diventeranno: uno scrittore, un giornalista aspirante scrittore, un poliziotto, un camorrista.
Quattro amici.
Più Anna.
Più Marta.
Sei personaggi che usano internet ma che si ritroveranno legati al passato: a una maledizione lontana, negli anni in cui i tedeschi si ritiravano e c’erano spari e morti ammazzati dappertutto. E un casolare dove viveva, reclusa, una specie di santa, che però aveva peccato.

Questi, a grandi linee, sono i fili in cui si dipana La donna che parlava con i morti, casa editrice Newton Compton, che esce tra oggi e domani.
Una buona copertina, un buon prezzo (9,90), un buon numero di copie tirate.
Speriamo che sia femmina.

 

Cosa si prova ad avere un proprio libro tra le mani? Si fanno gli scongiuri: speriamo non ci sian refusi e cacchiate varie.
Cosa si prova a vederlo esposto in vetrina? Si pensa che presto arriveranno Vespa, Camilleri e Sgarbi, tutti e tre insieme, e la commessa, se è sbadata, ti farà cadere per terra e si dimenticherà di te.

 

Link

Written by Antonio

30 f, 2007 a 6:37 pm

8 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. […] ho finito di leggerlo in circa cinque ore di lettura consecutiva e ne riparlerò qui. Intanto, questo è l’indirizzo della pagina della discussione. Commentate, inserite vostre recensioni, […]

  2. OT ma mica tanto: sei di nuovo nel blogroll. Ma ti ri-leggi? Hai copincollato dal blog di Remo Bassini, refusi inclusi: “protagonisIta”…

    🙂

    Tonino spiaccicarefusi

    tonino pintacuda

    30 f, 2007 at 9:05 pm

  3. Mea culpa di un copincollista! 😦

    Vado subito a correggere.

    Tu, Tonino, l’hai letto il libro del buon Remo?
    Aspetto qualche parola da te.

    ciao

    lucaintona

    30 f, 2007 at 10:13 pm

  4. incollo qui alcuni commenti che per un errore di gestione mio sono stati inseriti nella pagina del libro del mese sul vecchio blog.

    Remo Bassini:

    ho il libro di babsi Jones (che ho comprato dopo aver letto la satira su cabaret bisanzio) e non ho invece ancora libri di tuena, che so essere un bravo scrittore, alcuni dicono sottovalutato.
    son quindi in buona compagnia. grazie.

    antonioconsoli

    11 f, 2007 at 1:53 pm

  5. Io:

    Remo, di certo sei in compagnia di autori che ritengo davvero validi.

    Sottolineo che non è però uno spazio a esclusione. Sono nessuno, io, per escludere.

    Per quanto riguarda Tuena, magari mi ripeto, ma sottovalutato lo è. A testimonianza di ciò c’è la promozione dei suoi libri: dopo il Viareggio – meritatissimo – qualcosa di più incisivo andava fatto, o sbaglio?

    antonioconsoli

    11 f, 2007 at 1:53 pm

  6. Renzo Montagnoli:

    Il difetto di Tuena è di essere uno scrittore veramente grande, e non di quelli creati in vitro, che si ricordano più per l’immagine che per i loro testi.
    Certo, avere come Editore Rizzoli e non essere per nulla supportato ha dell’incredibile.

    antonioconsoli

    11 f, 2007 at 1:54 pm

  7. Io:

    Forse, Renzo, serve da esempio. Non sempre un editore grande garantisce. Io non ho esperienza, ma ho raccolto opinioni in giro e credo sia abbastanza vero. Anzi, tolgo abbastanza.

    antonioconsoli

    11 f, 2007 at 1:54 pm

  8. Paola Cingolani:

    Ho piacere che si sia scelto l’ultimo lavoro di Remo bassini “La donna che parlava con i morti” (Newton Compton) come libro del mese. Ne ho piacere perchè adoro il modo di scrivere di Bassini. Lo lessi casualmente e dissi che di certo doveva essere una persona dalle grandi capacità, sebbene schiva e poco amante del centro della scena. Diventammo amici. Posso definirlo molto modesto oltre che molto bravo e molto intelligente. Sa leggere oltre. Ecco, probabilmente è proprio questo suo saper leggere oltre che gli da la capacità di tratteggiare figure umane intriganti in ogni suo libro. Invidio la sapiente capacità che ha di tenere incollato il lettore fino ala fine, di descrivere ambienti, sensazioni, emozioni, stati d’animo, tempi e mille altri fattori intersecando tutto con l’abile mano di chi sa scattare una serie di immagini, di fermare e di immortalare tanti momenti che alla fine attraversano anni, generazioni addirittura. Doti poco comuni quelle di Remo Bassini. Altro ho notato ma non mi addentro nel raccontare perchè toglierei il gusto di leggere a chi deve ancora acquistare il nuovo libro.
    Riconferma assoluta: grande, grandissimo Bassini.
    Stasera aprirò il libro (molto bello) che stavo leggendo prima ma lo farò con amarezza dato che “La donna che parlava con i morti” l’ho finito subito.
    Avevo le fregole di sapere quasi fossi io Anna Antici !

    antonioconsoli

    11 f, 2007 at 1:55 pm


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: