Esquisse – il blog di antonio consoli

23 Maggio 1992

with one comment

Ieri ho sentito un magistrato dire che non fa più il pm a Palermo perché i giochi erano diventati troppo grandi. Oggi è a Roma e fa il giudice, e alla mafia (e a certa politica) – evidentemente – non dà più fastidio.

Ieri ho sentito Ayala dire che oggi sarebbe stato a Palermo, all’aula bunker. Come ogni anno. Per la commemorazione. Come a dire: non ci resta altro da fare, se non commemorare.

Falcone non ha combattuto solo la mafia. Si è scontrato con il potere politico. E’ morto per questo.

I giochi erano diventati troppo grandi e non era possibile proseguire oltre.

Ricordo Falcone. Come ogni anno. Con una lacrima.

Annunci

Written by Antonio

23 f, 2008 a 2:31 pm

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. Mio figlio aveva cinque mesi, oggi è un ragazzone, eppure solo guardare lui mi dà la misura del tempo trascorso. Quel cratere sul’autostrada, lungo sedici anni, non si è mai richiuso.

    Lilliblu

    24 f, 2008 at 12:48 am


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: