Esquisse – il blog di antonio consoli

Daniel Pennac – Chagrin d’école

with 3 comments

Daniel Pennac ha vinto con il romanzo Chagrin d’école, edito da Gallimard, il Prix Renaudot 2007, romanzo autobiografico in cui l’autore racconta la sua adolescenza, o meglio i suoi anni d’“adolescent installé dans la conviction de sa nullité”.

 

Daniel Pennacchioni (vero nome dell’autore), nasce a Casablanca, Marocco, nel 1944. Afflitto da una disortografia cronica e da un’incapacità assoluta di apprendere le regole della matematica e dell’inglese, nel piccolo Daniel si fa largo la certezza di essere senza futuro. Scrive, in Chagrin d’école, che quei disturbi adolescenziali continueranno a perseguitarlo per molto tempo, manifestandosi nell’angoscia della pagina bianca e in una certa dose di ipocondria.

Nonostante tutte le lacune scolastiche, Daniel possiede un dono: l’arte di saper narrare.

Se ne accorge un suo professore che, nel tentativo di aiutare l’allievo, gli assegna come esercizio la scrittura di un romanzo, capitolo dopo capitolo. Tecnica che, divenuto 25 anni dopo insegnante lui stesso, userà con i suoi alunni, nello sforzo di far loro apprezzare la bellezza della lingua francese.

Leggere, scrivere e insegnare sono i tre pilastri su cui poggiano le giornate di Daniel, fino a quando, creato il personaggio di Benjamin Malaussen, riesce ad imporsi come uno degli autori di punta della nuova letteratura francese. Pennacchioni, grazie a un’insegnante diverso dagli altri, ha dimostrato alla Francia di potercela fare, di non essere senza futuro.

La scrittura di Pennac è composita, è il gergo della periferia, è la ricerca di neologismi che affascinano e stupiscono. Le sue storie sono ambientate in una Belleville popolata da tossici e poliziotti travestiti, storie a mezzo tra il noir e la letteratura popolare.

Con Chagrin d’école (per chi non leggesse il francese sarà necessario aspettare ancora un po’ per la traduzione italiana), è possibile riscoprire un Pennac più riflessivo e vulnerabile, capace di far riflettere tutti quegli adulti che, convinti di essere diventati qualcuno, si rivolgono ai bambini con la frase terribile: “tu non farai mai niente di buono nella tua vita“, così come qualcuno aveva fatto con lui, qualcuno che gli aveva detto: “ Vous, Pennacchioni, le BEPC ? Vous ne l’aurez jamais ! Vous m’entendez ? Jamais ! ”.

 

 

 

noterella

BEPC: Brevet d’Études du Premier Cycle

Annunci

Written by Antonio

1 f, 2007 a 3:26 pm

Pubblicato su autori, romanzi

3 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Mi piace molto Pennac, con le sue invenzioni e le sue trovate, perfino i nomi dei personaggi sono tutto un programma.
    grazie , anche della tua visita gradita.
    cri

    cristina bove

    2 f, 2007 at 12:48 am

  2. grazie a te, cristina.

    antonioconsoli

    2 f, 2007 at 2:21 pm

  3. Ho visto Daniel Pennac la prima volta da Fazio e mi sono piaciute tutte le cose che ha detto.
    Ho rivissuto quella che é la mia situazione con le maestre di mio figlio .!
    Quando il mio bambino é a scuola ha paura di eseguire i compiti per il terrore di sbagliare,non riesce a pensare perché lo trattano male e gli urlano in continuazione dietro.Stà vivendo la seconda elementare molto male e secondo me questa situazione gli pregiudicherà tutta la sua carriera scolastica futura! Mi vergogno di far parte della categoria delle insegnanti!

    GRAZIE

    Rosanna

    24 f, 2008 at 12:24 am


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: