Esquisse – il blog di antonio consoli

Anna Politkovskaja

with 3 comments

7 ottobre 2006. Anna Politkovskaja veniva uccisa nell’atrio dell’edificio in cui viveva. Un anno dopo, giornali, telegiornali, blog, scriveranno fiumi di parole su questo omicidio irrisolto.

Parole che per quanto amare e sentite, saranno parole inutili. I magistrati della procura di Mosca hanno arrestato gli esecutori, alcuni altri coinvolti, hanno scarcerato qualcuno troppo vicino al leader ceceno e al suo padrino, Vladimir Putin. David contro Golia. E, s’intenda, David non è la povera procura che non può fare il proprio lavoro. Quella è sufficientemente asservita al potere da non correre alcun rischio. David sono i giornalisti che negli anni hanno perso la vita perché contro quel potere hanno riversato parole inutili. Inutili, perché non cambiano il mondo, non modificano di un nulla lo stato delle cose. Parole amare, insanguinate, eppure inutili. Evanescenti. Parole che fanno riflettere, eppure inutili. Le parole di Anna Politkovskaja, le parole di Antonio Russo, ucciso nell’ottobre 2000.

Sono 43 i giornalisti uccisi in Russia per le loro parole inutili.

 

link

 

 

 

nota 1
Prevengo eventuali commenti: quando uso l’espressione parole inutili non intendo dire che in quanto inutili si potrebbe pure farne a meno. Al contrario, esprimo amarezza e profondo sconforto. La lotta impari tra il potere (qualunque forma esso assuma e in qualsiasi parte del mondo esso operi) e chi vi si oppone, ancor più se tale lotta è condotta usando le parole, è straziante e mi fa stare male. Credo anche, però, che non se ne possa fare a meno. li.

nota 2
Con questo post intendo anche esprimere profonda gratitudine e stima nei confronti di Pino Scaccia, inviato di guerra e reporter che attraverso i suoi siti getta coni di luce su scenari altrimenti bui e dimenticati.

Annunci

Written by Antonio

7 f, 2007 a 12:58 pm

Pubblicato su attualità

3 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Anna Politovskaja è un esempio di ciò che si intende con il termine giornalista. Non voglio dire che si debba tutti rischiare la pelle e, nel caso, rimettercela. Ma dire semplicemente la verità, quello si, lo si dovrebbe fare, sempre. Faccio pubblica ammenda io per prima, io che questo mestiere lo amo e che per poterlo esercitare sono costretta ad occuparmi di varie ed eventuali, senza alcuna importanza. Vip, gossip, televisione. Lo scoop quando c’è è chi se la fa con chi… Ha senso? No, ma ho bisogno di guadagnarmi da vivere e la cosa che so fare meglio in assoluto è scrivere e mettere insieme immagini. Mi sforzo di portare dignità in quello che faccio e intanto guardo a Pino Scaccia, che tu giustamente omaggi, a Ettore Mo, ad Antonio Russo, a tutti i colleghi della Politovskaja che hanno dato la vita per la verità, a tutti i colleghi italiani dei quali non ricordo il nome che hanno pagato con la vita la loro ricerca di uno scopo più alto a questo nostro mestiere di scribacchini. Grazie per questo post, Luca, anche se rigira il coltello nella piaga.
    Laura

    Laura Costantini

    7 f, 2007 at 6:02 pm

  2. Grazie a te, Laura, per questo commento. Davvero bello.

    lucaintona

    8 f, 2007 at 10:44 am

  3. […] on-line un video (diviso in tre parti) molto interessante. A un certo punto, quando Antonio nomina Anna Politovskaja, una signora del pubblica mormora: “Oh, me ne vado!“. Scena simpaticissima (mi è […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: